Che cos è la visual identity?

A cosa serve la visual identity?

Essere unici è il solo metodo per posizionare in modo corretto i tuoi servizi e i tuoi prodotti. Per essere unici, però, bisogna studiare una visual identity che metta in luce chi sei e che ti faccia riconoscere tra mille altri concorrenti.

Voglio prima di tutto sottolineare la differenza tra brand identity e visual identity, le due cose vengono spesso confuse. In poche parole, la visual identity è la parte “grafica” della brand identity.

Una volta delineati i valori, la mission, il target al quale ci rivolgiamo, il tono di voce e tutti gli aspetti della brand identity, ci rimane la definizione dei materiali visual che dovranno trasmettere, attraverso le immagini, tutti questi elementi di brand identity.

Quali sono gli elementi della visual identity?

La visual identity è composta da 5 elementi che servono a renderti riconoscibile, che tu sia un freelance o una piccola impresa:

  • LOGO

Ho ampiamente descritto di come il logo sia lo step fondamentale per iniziare a creare le basi per la tua visual identity.

Il logo è un simbolo che deve rappresentare te e quello che fai, è composto solitamente da un pittogramma, da un logotipo e un payoff.

Deve essere unico e deve contraddistinguersi dalla concorrenza. Il logo deve essere utilizzabile in tutti i formati, dal grande al piccolo e, soprattutto, non deve contenere immagini o fotografie.

  • PALETTE COLORE

Un altro aspetto importante è la palette colore, perché da qui inizierà a fissarsi visivamente il tuo brand, negli occhi dei tuoi clienti.

La palette colore va scelta in base al colore principale del tuo brand, che viene anche ripreso nel logo. Serve ad avere delle linee guida per la realizzazione di tutti i materiali grafici on line ed off line che comporranno la tua visual identity.

  • FONT

In altri articoli ti ho accennato l’importanza della scelta del font giusto per la tua attività. È importante definire subito quali sono i font da utilizzare nelle tue grafiche o nelle tue comunicazioni, in modo da rendere sempre più coerente tutto il materiale marketing.

Si scelgono solitamente due font. Non c’è nessun obbligo sulla scelta di un serif o sans serif, ma quello che consiglio io è sempre di evitare i corsivi o gli handwriting perché risultano poco leggibili, nel caso tu non possa proprio farne a meno, scegline uno con un tratto deciso.

  • FOTO – IMMAGINI E GRAFICA

Le immagini, come sappiamo, hanno un impatto visivo maggiore rispetto ai testi e restano molto più a lungo nella memoria.

La ricerca della tipologia di foto da inserire nei materiali si deve basare sulla palette colore che abbiamo scelto, ma anche sui valori del brand.

Stessa cosa vale per le grafiche dei social network. Se decidi che la tua grafica deve avere un’immagine e sopra un piccolo quadrato con del testo, devi cercare di tenere questa impostazione per tutti i post perché, se ogni settimana cambi il font o il colore di base, il tuo cliente o possibile cliente sarà confuso e non riuscirà mai a riconoscerti.

Immagina di entrare in un profilo social e trovare tutte le immagini di colori diversi e scoordinate tra loro; questo creerebbe confusione e, soprattutto, ti farebbe vedere un brand non coerente e disorganizzato. Fai attenzione, quindi, quando scegli le foto per i post.

  • SITO WEB

E alla fine arriva lui. Il sito web è la nostra vetrina sul mondo. Inutile continuare a ripetere che i font e le immagini devono essere sempre coerenti

Sul sito web si inserisce anche il tono di voce, ovvero come vuoi che le persone ti percepiscano, attraverso le parole.

Il sito web è spesso il luogo dove atterrano i tuoi possibili clienti. È importante aver sempre chiari i tuoi obiettivi (definiti anche nella brand identity) obiettivi che potrai raggiungere grazie ai testi e alle immagini, cercando sempre di comunicare il valore aggiunto che hai rispetto alla concorrenza.

A cosa serve la visual identity

Che tu stia partendo con un nuovo brand o con un rebranding di uno già esistente, la visual identity è il tuo tratto distintivo. È importante progettarla nei minimi dettagli, in modo tale che le persone possano sempre associarti a qualsiasi elemento di comunicazione che parla di te. 

La visual identity è in grado di comunicare i tuoi valori attraverso le immagini, ti identifica e ti rende unico grazie allo studio approfondito dei suoi elementi.

Quali sono i vantaggi che porta avere una visual identity coerente?

    • ti aiuta ad aumentare la visibilità
    • fa aumentare di autorevolezza il tuo brand
    • crea una reputazione più forte
    • agevola la riconoscibilità del brand on line e off line

     

    Sottovalutare l’importanza della visual identity è un errore che viene commesso spesso, anche per una questione di costi.

     

    Si tende a pensare che “la grafica me la posso fare da solo” rischiando di rovinare la propria reputazione o peggio ancora, di comunicare l’opposto di quello che è il tuo brand.

     

    Ecco perché consiglio sempre, a chi mi chiede informazioni o non sa come creare una visual identity, di fare una consulenza con un professionista prima di iniziare a creare da soli le grafiche. 

     

    In questo modo si possono avere suggerimenti o spunti in più, sui passi da fare e sugli strumenti necessari per farlo.

     

    La visual identity è lo strumento migliore per posizionarti nel mercato e farti riconoscere.

    SILVIA PELUCCHI

    Graphic designer | Visual designer | Packaging | Siti web | Materiali marketing |
    Visual identity | Supporto aziende e PMI progettando linee esclusive di identità aziendale e per materiali di comunicazione

    Seguimi sui social