Come scegliere il font
per un progetto

Come scegliere il font per un progetto

Quante volte all’inizio di un progetto ti sei trovato davanti a l’amletico dubbio su che font usare, è meglio un font graziato o uno non graziato, è meglio un font corsivo o un font fantasia? iniziamo a fare ordine.

Serif e Sans serif, facciamo chiarezza

I font sono ormai tantissimi, si dividono principalmente in due macro categoria serif e san serif, ovvero
caratteri serif (o “graziati” o “con grazie”) e caratteri sans serif(o “senza grazie”, chiamati anche “bastoni” o semplicemente “sans”). Le grazie sono quei piccoli allungamenti alla fine della lettera.

  • I font serif sono font che si usano spesso per di più utilizzati per la stampa su carta o in editoria,quotidiano o riviste, le grazie spezzano lo spazio tra una lettera e l’altra e facilitano la lettura di brani più lunghi, tra i più famosi ci sono BodoniBaskervilleGaramondDidot…

  • I font sans serif hanno linee dritte senza grazie, risultano più leggibili e chiari avendo una risoluzione maggiore rispetto ai caratteri graziati, vengono usati per la maggior parte per il web, tra i sans serif preferiti da noi grafici troviamo HelveticaFuturaFrutigerGothamDin.
  • i font script che simulano la calligrafia, da usare per effetti particolari ma non di facile leggibilità

Oltre questa divisione possiamo trovare anche altre famiglie di font, le più famose sono:

  • i font fantasia con elementi decorativi, sconsigliati per testi lunghi
  • i font gotici che rimandano all’alfabeto gotico tedesco medievale.
differenza tra serif e sans serif

Come scegliere il font giusto

Il font non va scelto solamente perchè è bello o perchè piace al cliente, dev’essere coerente col progetto che andremo a realizzare e soprattutto bisogna seguire una regola che può aiutare con la scelta del font, “legibility” e “readability”.

La legibility di un testo è la facilità con cui riusciamo a distinguere le singole lettere che lo compongono, è strettamente correlata alla struttura del singolo carattere tipografico, la forma, la dimensione, il colore dei caratteri, è un aspetto legato al processo visivo e alla capacità dell’occhio umano di leggere un testo senza particolari difficoltà.

La readability di un testo è la sua leggibilità complessiva è legato alla capacità del cervello di comprendere in maniera corretta il messaggio che l’insieme di parole e frasi del vostro testo intendono trasmettere, è data dall’insieme di caratteristiche che danno forma al testo, tracking, kerning, dimensione, paragrafo.

Inizia la ricerca!

Adesso che hai le nozioni base sui font, puoi scegliere quale usare per il tuo progetto, che sia un poster o un libro o un volantino, devi capire che reazioni vuoi suscitare, oppure basandosi sulle risposte avute durante il briefing, cosa vuole comunicare il cliente con questo progetto.

Devi guardare non solo alla leggibilità dei testi ma anche all’aspetto estetico, non puoi usare un font comics o fantasia se stai creando una brochure in campo medico, rischieresti di far passare il messaggio errato.

Quando inizi un progetto cerca di capire quanti font ti possono servire, è buona cosa non usarne troppi per evitare di creare un documento disordinato e caotico; scegli un font per il corpo del testo, uno per i titoli e uno per le citazioni o per i testi in evidenza. Oppure usa lo stesso font ma nelle sue varianti, per esempio il testo in book, il titolo in bold e le citazioni in italic.

Se vuoi cercare qualche combinazione di font ti suggerisco questi siti:

fontjoy dove vengono generate delle combinazioni con 3 tipi di font
fontsinuse dove vedrai anche una mockup di applicazione delle font selezionate

Come scegliere il font per un progettoCome scegliere il font per un progetto

Non perdere troppo tempo a cercare font complicati o appariscenti perché il rischio è quello di produrre l’effetto contrario, la gente verrebbe attratta di più verso la “bruttezza” del font e perderebbe la concentrazione verso il progetto.

La ricerca del font ti porterà via un sacco di tempo, ma ne varrà la pena per avere un progetto al di sopra delle righe!
E ricordati sempre questi punti

  • il font è un componente di grandissima importanza
  • dedica il tempo giusto per cercarne uno che si addice al tuo progetto
  • non usare font troppo appariscenti che deviano l’attenzione dal progetto
  • non usare troppi font diversi nello stesso impaginato
  • cerca di creare nel documento armonia e leggibilità

Nei prossimi appuntamenti approfondirò la metodologia e la tecnica di utilizzo di font nei progetti editoriali come giornali e riviste, non perdere l’appuntamento settimanale con i miei consigli!

2019-04-05T08:39:23+02:00

About the Author:

Silvia Pelucchi. 36 anni, da 15 anni graphic designer, il mio obiettivo è quello di aiutarvi a comunicare il vostro messaggio in modo corretto.